Selezionare una lingua:

La conservazione dei medicinali in ospedale

Nella gestione dei farmaci in ospedale, non solo è importante assicurare il dosaggio e l’applicazione corretti, ma anche la loro conservazione. Fattori esterni quali umidità, calore, luce e freddo possono influenzare l’efficacia del farmaco, il che a sua volta può avere effetti sulla salute del paziente, in quanto il medicinale può perdere di efficacia. Una gestione efficiente e sicura del farmaco negli ospedali comprende quindi anche la corretta conservazione dei medicinali, soggetta a precise linee guida.

Come si devono conservare i medicinali negli ospedali?

Qualsiasi organizzazione che dispensa farmaci ai pazienti deve seguire procedure di conservazione adeguate per garantirne la sicurezza, l’efficacia e la qualità. Questo vale anche per la conservazione dei farmaci negli ospedali, che viene prescritta nelle indicazioni del produttore, riportate sulla confezione esterna o sulle istruzioni per l’uso.

Queste indicazioni si basano su test per verificare la stabilità dei medicinali. Se vengono rispettate le condizioni per la corretta conservazione dei medicinali negli ospedali, il farmaco è sicuro da usare fino alla data di scadenza indicata.

 

Quali altri aspetti devono essere presi in considerazione per la conservazione dei farmaci in ospedale?

Anche in termini di igiene, sicurezza, controllo e trasporto ci sono regole da seguire. Tra queste la regolare pulizia e disinfezione degli armadietti e dei sistemi di stoccaggio; ad esempio anche il prelievo dei medicinali dovrebbe essere effettuato in modo igienico, specialmente se il farmaco non è monouso.

Dove si devono conservare i farmaci?

Per mantenere i farmaci in luogo asciutto, protetti dalla luce e alla giusta temperatura, è necessario allestire il magazzino in modo che i sistemi di immagazzinamento o i frigoriferi dei farmaci non siano esposti direttamente alla luce del sole. Per questo motivo, i locali che si trovano sul lato nord e non sono colpiti dalla luce diretta del sole sono i più adatti per conservare i farmaci negli ospedali.

Per lo stoccaggio e il prelievo di medicinali refrigerati e non, sono adatte soluzioni di automazione come BoxPicker , grazie a cui si possono immagazzinare i farmaci in modo sicuro e prelevarli poi in modo veloce e sicuro.

Grazie al suo modulo refrigerato integrato, BoxPicker rappresenta la soluzione ideale per lo stoccaggio di medicinali con diversi requisiti di temperatura di conservazione.

Immagazzinamento dei farmaci


Cosa comporta il principio FIFO per la conservazione dei medicinali?

La maggior parte degli ospedali lavora secondo il principio FIFO (first-in first-out) nella conservazione dei farmaci: i prodotti primi ad entrare sono i primi ad uscire. La confezione con la data di scadenza più ravvicinata viene quindi messa davanti e usata per prima, mentre i farmaci con una durata di conservazione maggiore vengono conservati nella parte posteriore. Questo principio si applica ai farmaci che richiedono o meno la refrigerazione e viene applicato automaticamente quando sono presenti delle soluzioni di automazione.

Dove finiscono i farmaci che non servono più?

In Italia lo smaltimento di farmaci e prodotti farmaceutici è regolamentato dal DPR 254/03 che disciplina la gestione dei rifiuti sanitari. È previsto che lo smaltimento dei farmaci scaduti avvenga attraverso la termodistruzione, oppure attraverso la loro inertizzazione in contenitori ermetici.

Impostazioni cookie OK

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie