Scegli la tua località:

Paese

La riflessione su sé stessi e le aspettative personali


Saskia Schwarze
21 luglio 2022
Carriera in Swisslog Healthcare
Tempo di lettura: 5 minuti
Sono le 19.20. Siete seduti da soli nell'ufficio illuminato. L'addetto alle pulizie ha già svuotato i cestini. Il rilevatore di movimento nel corridoio non è più in grado di svolgere il suo compito da tempo. Sono le 19.21. Perché siete ancora seduti alla vostra scrivania a quest'ora, ben sapendo che la vostra giornata lavorativa è iniziata alle 8 del mattino? La lotta interiore tra orgoglio, senso di responsabilità e desiderio di equilibrio. Alte aspettative? C’è da scommetterci. É una promessa di successo? È una questione di prospettiva.
Illustrazione riflessione su se stessi

Il feedback regolare e le discussioni di valutazione e sviluppo sono importanti strumenti di gestione che fanno parte di una buona cultura aziendale. Queste discussioni servono, tra l'altro, alla riflessione su sé stessi e al confronto tra l'immagine di sé e l'immagine esterna. Immagine di sé? Corretto. Solo chi si conosce meglio è in grado di utilizzare correttamente i propri punti di forza e di svilupparli ulteriormente, di sviluppare le potenzialità e di riflettere su sé stesso e sulle proprie azioni.

Una domanda comune della nostra controparte: quali sono i tuoi punti di forza? Se ripensate all'inizio della vostra carriera, potreste riconoscervi: la capacità di lavorare in gruppo, la flessibilità e il senso di responsabilità. Allo stesso tempo, questo elenco ricorda una formulazione standard delle lettere di candidatura. Cosa c'è dietro? Come si manifestano i vostri punti di forza nella vita quotidiana?

Per dirla in breve: È facile nominare la parola lavoro di squadra. L'arte consiste nel definire la parola per sé stessi e riempirla di azione.

  • "Mi piace sostenere gli altri."
  • "Nelle conversazioni con gli altri, comunico sempre in modo elogiativo".
  • "Nel cammino verso la meta, non abbandono mai il membro più debole della squadra."
  • "Per me elaborare soluzioni comuni in un team è divertente."

 

Tutto questo suona molto più tangibile, non è vero? Lontano dalle parole di circostanza, verso una maggiore profondità. È il modo migliore per conoscerci e capire cosa ci spinge. Cosa ti rende un giocatore di squadra? È importante imparare a riflettere su sé stessi, a esaminare con maggior dettaglio i propri punti di forza e di debolezza e a includere le proprie esperienze individuali. Ogni persona dovrebbe essere consapevole dei propri punti di forza e delle proprie capacità ed essere in grado di riflettere apertamente sulle competenze su cui vorrebbe ancora lavorare o che non fanno parte dei suoi punti di forza.

Diamo un'occhiata a come veniamo percepiti dagli altri: “Serve molto apprezzamento. Non considerarlo un aspetto negativo". È piuttosto uno spunto di riflessione. Un'ispirazione per iniziare a riflettere sul motivo per cui tieni così tanto al riconoscimento e alla lode, il che non è necessariamente negativo, Tra l'altro, una cultura di lode è incredibilmente importante nel contesto aziendale.

Rifletti su te stesso

A volte abbiamo davvero bisogno di (troppo) riconoscimento? Questo rende il nostro comportamento egoista? No. Tutti hanno bisogno di una certa dose di riconoscimento e di elogi per le cose che fanno. Forse una persona ha bisogno di più e l'altra meno. In alcune situazioni, gli elogi possono motivare a continuare e a non arrendersi, o ad affrontare nuove sfide. Osservare i propri motivatori è uno strumento prezioso per lo sviluppo personale. Quali sono i miei fattori di spinta, cosa mi motiva? Nel migliore dei casi, condividiamo le intuizioni con altri. Perché non dare al proprio manager un prezioso suggerimento sul fatto che siete una di quelle persone che si lasciano guidare dalla lode.

Chi potrebbe aiutarci con la nostra immagine esterna? Condividi i tuoi pensieri con gli altri e trova persone che ti conoscono bene e ti daranno un feedback sincero: familiari, amici, colleghi o mentori. Questo è ciò che ci aiuta a capire meglio chi siamo e come veniamo percepiti dagli altri.

Che cosa ha a che fare questo con le aspettative che ci siamo dati e perché alcuni di noi sono ancora seduti davanti allo schermo alle 19:20? Non sorprende che non ci sia una risposta semplice a questa domanda.

Probabilmente non è una sorpresa che non esista una risposta univoca a questa domanda. Forse sei un perfezionista, attento ai dettagli, determinato e ambizioso. Questi tratti incontrano poi il desiderio di accontentare tutti, e all'improvviso si fanno le 19.20. In questo esempio la vittima sei tu. In questi casi dovresti iniziare a chiederti:

  • Quando è stata l'ultima volta che ti sei preso del tempo per te stesso e per il tuo sviluppo?
  • Hai mai riflettuto sui tuoi punti di forza?
  • Cosa ti motiva?

 

Investi su te stesso con l’obiettivo di migliorare la tua consapevolezza. Cerca di conciliare i tuoi punti di forza, i tuoi bisogni e le tue aspettative.

Saskia Schwarze, HR Manager Northern Europe & GCC di Swisslog Healthcare

Quello che imparo da questo è trasferire i compiti con il rischio che non vengano eseguiti al 100% come li farei io, imparando a dire "no", oltre a stabilire dei limiti.

Saskia Schwarze, HR Manager Northern Europe & GCC

Questo processo sarà mai completato? Certamente no. Queste situazioni, come i colloqui di lavoro o di valutazione, ci aiutano a lavorare su noi stessi e ad affrontare i nostri problemi e le nostre debolezze. E sì, ci saranno sempre momenti in cui dovrai fermarti un secondo per capire che le critiche non sono necessariamente intese in senso personale. Ma in fondo non si smette mai di imparare e

Sicuramente ognuno di noi si trova in situazioni in cui deve fare un respiro profondo per chiedersi se è all'altezza di tutto. Ci chiediamo se le aspettative su noi stessi siano troppo alte. La pressione esterna è troppo alta? Siamo ancora sulla strada giusta? La sera alle 19.21 in ufficio: sii orgoglioso di ciò che fai, ma anche consapevole. Prenditi cura di te stesso della tua salute e coinvolgi le persone che conosci e di cui ti fidi per riflettere su di te stesso e sul tuo percorso.

La riflessione è uno strumento importante per il nostro sviluppo personale. Investi tempo in te stesso e scopri di più su di te, perché i punti di forza e di debolezza individuali fanno la differenza. Noi di Swisslog Healthcare crediamo fermamente in questo. Sviluppa te stesso con noi: candidati per una delle nostre offerte di lavoro in tutto il mondo. Non vediamo l'ora di conoscerti!

Informazioni sull’autore:

Saskia Schwarze, HR Manager Northern Europe & GCC, è responsabile di tutte le attività relative alle persone e alla cultura aziendale nel suo ambito. Promuove lo sviluppo dei nostri dipendenti in modo che possano crescere e diventare sempre più soddisfatti e di successo nel loro lavoro.


Ulteriori informazioni su Saskia Schwarze
Cerca tutti i tag
Farmacia OspedalieraMonodoseIntralogisticaFuture FarmaciePharmacists InsightsClosed Loop Medication ManagementPianificazione ospedalieraSicurezza dei PazientiNew WorkPurple CultureAutomazione per la FarmaciaConsigli per le candidatureOpen PharmacySistema di posta pneumaticaServizioDigitalizzazioneIntervistaRisorse UmaneModernizzazioneAutomazione dei Trasporti

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie