Scegli la tua località:

Paese

Progettazione di un un sistema di posta pneumatica in ospedale – tutto quello che devi sapere


Jan-Coen Dragt
13 aprile 2023
Ospedale
Tempo di lettura: 6 minuti
Hai già iniziato o stai per pianificare un sistema di posta pneumatica per un ospedale, o vuoi ammodernare il tuo impianto attuale? In questo wiki trovi riepilogate le informazioni più importanti che riguardano i componenti e il mondo della posta pneumatica.
Illustrazione: Progettista di posta pneumatica

La tecnologia per movimentare in modo automatico gli oggetti all'interno di un edificio a più piani o di edifici adiacenti è in uso già dalla metà del 19° secolo. Le stazioni sono collegate fra loro da apposite linee, un po' come la rete della metropolitana. La posta pneumatica si è evoluta nel corso degli anni sebbene la tecnologia di funzionamento ad aria compressa o a vuoto non sia di per sé nuova.

Cosa intendiamo per posta pneumatica?

  • Il nostro sistema di posta pneumatica destinato agli ospedali si chiama TranspoNet.
  • Il nostro portafoglio prodotto comprende 10 diversi tipi di stazioni.
  • Con il sistema TranspoNet possono essere trasportati 4 diversi tipi di bossoli.
  • I tubi del sistema di posta pneumatica hanno in genere un diametro di 110 e 160 mm.
  • I nostri tubi sono disponibili in materiali e colori diversi a seconda delle finalità di impiego: trasparenti, bianchi, grigi, privi di alogeni, in acciaio, oppure blu in polietilene ad alta densità.
  • Il nostro software intuitivo e web-based consente di analizzare in modo semplice gli eventuali guasti del sistema di posta pneumatica e generare report indipendentemente dal luogo e dal dispositivo utilizzato.
  • Tracciamento affidabile delle spedizioni: puoi ottimizzare la logistica del tuo ospedale con il sistema di posta pneumatica e la nostra soluzione software Delivery Manager.

 

Ti forniamo ora una breve panoramica dei concetti chiave e una serie di suggerimenti utili per pianificare al meglio il sistema di posta pneumatica.

Da dove partono e dove arrivano le spedizioni?

Per inviare e ricevere le spedizioni in sicurezza sono disponibili stazioni di invio, di ricezione, o stazioni che assolvono ad entrambe le funzioni. Il tipo di stazione varia in funzione del campo di impiego: nei laboratori, ad esempio, si utilizzano in genere due stazioni separate, una dedicata all'invio e una alla ricezione, per smaltire nel migliore modo possibile l'elevato numero di spedizioni.

Stazione di transito e stazioni capolinea. Entrambe le stazioni possono essere raggiunte dall'alto o dal basso, con questa differenza: nel caso della stazione di transito, il bossolo transita senza fare tutte le fermate che trova sul percorso; questa soluzione è indicata soprattutto se il numero di trasporti è ridotto perché si possono coprire brevi tragitti all'interno dell'edificio. Nel caso delle stazioni capolinea, invece, il bossolo esce dalla rete e deve essere eventualmente prelevato.

Le stazioni del posta pneumatica in sintesi
Le nostre stazioni

Come si trasportano gli oggetti?

Per il trasporto viene usato uno speciale contenitore, denominato bossolo, in grado di alloggiare indifferentemente sacche di sangue, campioni di laboratorio, farmaci, materiale di consumo o documenti. A seconda delle dimensioni dell'impianto si possono spedire carichi fino a 1,5 chili. Fondamentale è sapere anche quale oggetto viene movimentato. I dispositivi medici, ad esempio, richiedono spesso un imballo aggiuntivo o un bossolo speciale dotato di inserti per il fissaggio delle provette di sangue per garantire il trasporto sicuro e senza danni. Ecco i vantaggi di questo sistema di fissaggio:

  • gestione ergonomica
  • prodotto riutilizzabile
  • nessuno stoccaggio di materiale da imballo
  • possibilità di impiego con stazioni di carico automatico

 

Per sfruttare al massimo i vantaggi offerti dal sistema di trasporto è fondamentale scegliere quindi il bossolo giusto.

Il percorso nella rete di tubi

La linea è composta da:

  • Deviatore d'aria: il dispositivo regola la direzione di flusso dell'aria consentendo il trasporto dei bossoli in più direzioni e la propulsione nella linea tramite aria compressa o vuoto.
  • Ammortizzatore: il bossolo rallenta man mano che raggiunge il freno, mentre una valvola di sfogo devia l'aria in ingresso (bypass). Una volta fermato il bossolo, la valvola ridireziona l'aria verso il bossolo spingendolo nella linea.
  • Turbina: la turbina genera un flusso d'aria prelevandola dall'ambiente circostante.

 

Completano l'impianto

  • uno o più tubi
  • uno o più scambi
  • almeno 2 stazioni e
  • un software di controllo

 

Se progetti un impianto con una capacità di carico media, ti raccomandiamo di non superare le 10 stazioni per linea, in modo da non ridurre l'efficienza del sistema. Se si collegano 20 stazioni a una sola linea, ad esempio, non si possono utilizzare le altre stazioni fino a quando il trasporto sulla linea non è concluso. Naturalmente sono possibili delle eccezioni e siamo a tua disposizione per consigliarti la soluzione migliore.

Illustrazione: labirinto di posta pneumatica

Come scegliere tra linea bidirezionale, linea diretta o PowerLine?

In genere si distingue fra linea diretta e linea bidirezionale. Nella linea diretta i bossoli vengono movimentati in un'unica direzione. La linea bidirezionale standard permette invece di trasportare i bossoli in entrambe le direzioni, ma su ogni linea può essere movimentato un unico bossolo dal momento che il flusso d'aria non è regolabile e si potrebbero verificare collisioni.

La PowerLine trova impiego invece nei complessi ospedalieri, quando si tratta di coprire lunghi tragitti che si articolano su più piani o edifici, e sono presenti più linee che si incrociano. A differenza della linea bidirezionale, la PowerLine può trasportare più bossoli in contemporanea, ma in un'unica direzione ben definita. Ciò significa che per questa linea ad alta capacità di carico è sempre necessario prevedere il percorso di ritorno.

Lo sapevi che?

  • Di regola la PowerLine viene utilizzata fra due sezioni di scambio, o fra una sezione di scambio e una stazione nell'ospedale, e può collegare fra loro più edifici.
  • Il 75-85% di tutte le spedizioni del sistema di posta pneumatica sono dirette al laboratorio, in questo caso la PowerLine rappresenta la soluzione perfetta.
  • Negli ospedali la PowerLine è chiamata anche autostrada per via dell'elevato numero di trasporti che è in grado di smaltire.

 

Come si collegano fra loro più linee?

Per creare un sistema di trasporto ottimale è necessario che tutte le stazioni siano raggiungibili fra loro. Grazie alle sezioni di scambio è possibile trasferire prodotti e dispositivi medici da una linea all'altra. La cosiddetta centrale di trasferimento collega fra loro le varie linee fungendo da snodo.

È fondamentale che questo snodo centrale sia facilmente raggiungibile in modo da agevolare l'intervento dei tecnici addetti alla manutenzione. L'ubicazione ideale è quindi il piano interrato, il livello in cui sono ospitati i locali tecnici o il solaio. Inoltre, l'ubicazione deve assicurare percorsi di trasporto brevi in modo da contenere tempi, costi e tragitti.

La dimensione della sezione di scambio varia in funzione del numero di linee che si desidera collegare. Occorre inoltre tenere conto del raggio delle curve e la dimensione dei componenti che, a loro volta, dipendono da quella del sistema. Il locale deve essere alto almeno 3,2 metri.

Qual è la sezione di scambio giusta per il mio impianto?

Se vuoi collegare fra loro fino a 3 linee, è sufficiente una sola sezione di scambio. Hai più di 3 linee o pensi a un ampliamento? In questo caso la soluzione ideale è lo scambiatore lineare che ha struttura modulare, ingombro ridotto, e consente trasporti veloci fino a un massimo di 16 linee per ciascuna unità.

Filtri HEPA per garantire aria pulita nell'impianto

È inevitabile che sporco, polvere e altre particelle si accumulino con l’utilizzo del sistema. Per mantenere pulita l'aria all'interno dei tubi dell'impianto si possono usare i filtri HEPA. Questa è la soluzione standard in ambito clinico. I filtri devono essere inseriti nei punti in cui viene aspirata l'aria dall’ambiente, in corrispondenza delle due estremità della linea. Inoltre, occorre assicurarsi che i filtri HEPA siano sufficientemente dimensionati per filtrare correttamente entrambe le direzioni di flusso dell'aria. Il nostro suggerimento: inserisci un pre-filtro aggiuntivo per rimuovere le contaminazioni più grossolane, aumentando la durata di vita dell'impianto.

Come è possibile tenere traccia delle spedizioni?

Il tracciamento della spedizione è assicurato da appositi chip RFID inseriti nei bossoli, che vengono monitorati dal software di controllo del sistema di posta pneumatica. La dashboard è personalizzabile, fornisce una panoramica dell'impianto semplice e veloce, oltre alla possibilità di generare direttamente dei report. I vantaggi non finiscono qui: nel sistema possono lavorare più utenti, per la massima efficienza.

Interfaccia software TranspoNet
Software di controllo

Questa soluzione ti convince? Provala subito

Prova la demo adesso.

Si può installare l'impianto in un edificio preesistente?

Certamente, anzi, il 75% degli impianti di posta pneumatica vengono installati in edifici esistenti. In questo caso occorre tenere conto di due aspetti, oltre ai requisiti di tipo generale legati al sistema di posta pneumatica:

  • L'ubicazione della centrale e la grandezza del locale che la ospita
  • Il percorso della tubazione e l'ubicazione dei deviatori

 

La grandezza del locale che ospita la centrale è legata ovviamente alle dimensioni dei componenti e alle curve dei tubi, il cui raggio è 800 mm. Se si utilizza uno scambiatore lineare è necessario che lo spazio per 4 linee sia almeno pari a 7x4x3,2 m (lunghezza x larghezza x altezza). La dimensione varia se si utilizzano degliscambi con deviatori.

In un edificio preesistente, raccomandiamo di installare la Transfer Unit in un'area facilmente raggiungibile, evitando di posizionare i deviatori nelle stanze di degenza, negli ambulatori o nei pressi di ascensori in modo da agevolare l'accesso in caso di interventi di manutenzione.

In conclusione, la progettazione accurata è essenziale per ottenere il massimo dal tuo sistema di posta pneumatica.

Con questa breve panoramica sul mondo degli impianti e componenti dei sistemi di posta pneumatica speriamo di averti aiutato a progettare, ammodernare o ampliare il tuo impianto. TranspoNet offre una vasta gamma di stazioni e bossoli, oltre alla possibilità di analizzare in modo semplice gli eventuali guasti e generare report e statistiche. La scelta del bossolo giusto e l'impiego della PowerLine possono essere decisivi per ottenere il massimo dal tuo sistema di trasporto.

Se desideri progettare un sistema di posta pneumatica contatta uno dei nostri esperti per una consulenza personalizzata.

Informazioni sull’autore:

Come senior sales engineer, Jan-Coen è il principale referente per la progettazione e il perfezionamento dei nostri sistemi di posta pneumatica.


Ulteriori informazioni su Jan-Coen Dragt
Cerca tutti i tag
Purple CultureModernizzazioneMonodoseAutomazione dei TrasportiEsperienza dei dipendentiPianificazione ospedalieraInnovationenDigitalizzazioneOpen PharmacyConsigli per le candidatureNew WorkPharmacists InsightsIntervistaIntralogisticaSistema di posta pneumaticaServizioRisorse UmanePurple JourneyFuture FarmacieAutomazione per la FarmaciaClosed Loop Medication ManagementSicurezza dei PazientiFarmacia OspedalieraReparti

Potrebbe interessarti anche