Scegli la tua località:

Paese

Work Life Balance: una strada a senso unico?


Saskia Schwarze
13 settembre 2022
Carriera in Swisslog Healthcare
Tempo di lettura: 5 minuti
Tutti conoscono l'idea tradizionale di equilibrio tra lavoro e vita privata: lavoro e vita privata devono essere in armonia. Questo può essere difficile per molti dipendenti, soprattutto quando non solo la loro vita personale, ma anche quella familiare, deve essere bilanciata con il lavoro. Ma chi è responsabile di garantire che questi due aspetti della vita siano allineati e non siano in conflitto tra loro? Come fanno i dipendenti di Swisslog Healthcare a conciliare la loro vita personale e professionale?
Illustrazione Work Life Balance

Julia Kahraman, Head of Marketing EMEA/APAC & Global Brand and Communication Manager, condivide le sue riflessioni sull'equilibrio tra lavoro e vita privata. Spoiler: il suo punto di vista si discosta un po' dalla comprensione teorica del concetto.

Julia, sei la responsabile del nostro team marketing. Molti non sanno che sei anche madre di un bambino che frequenta l'asilo. Qual è la tua esperienza con i due ruoli?

Poco dopo la nascita di mio figlio, il mio datore di lavoro mi disse che certi progetti erano più adatti a colleghi che non avevano una doppia responsabilità. Non avevo mai chiesto un tale "sollievo". Tuttavia, mi ha mostrato che ci sono prospettive all'interno dell'azienda che faccio fatica a collegare con la parte più femminista che è in me.

In breve, per me non si tratta di destreggiarmi tra i ruoli, ma di quanto la mia azienda sia aperta al mio modello di vita familiare, che sfida gli schemi di ruolo tradizionali.

Madre e figlio sulla spiaggia

Un feedback autentico: Qual è la posizione di Swisslog Healthcare in termini di equilibrio tra lavoro e vita privata e quanto favoriamo la compatibilità tra lavoro e famiglia?

A rischio di divagare, vorrei rispondere apertamente alla domanda. Sono infastidita dal bingo delle parole d'ordine che propongono di tutto, dall'equilibrio tra lavoro e vita privata al bilanciamento tra carriera e famiglia, alla leadership femminile. Niente di tutto questo è sbagliato. La teoria è ben elaborata e ci sono idee e istruzioni per l'azione.

In ogni caso, mi permetto di affermare che destreggiarsi tra il lavoro e la famiglia è fuorviante, poiché viene concepito come una strada a senso unico. Possiamo assumere una posizione e aspettarci che la famiglia si adatti alle circostanze?

Ciò solleva in particolare le seguenti preoccupazioni:

  1. Perché il lavoro è elencato per primo?
  2. Perché cerchiamo di collegare un lavoro, un ruolo, con una comunità, una famiglia?

 

La compatibilità tra famiglia e datore di lavoro sarebbe molto più adatta, a mio avviso. In questa formulazione l'accento è posto su due comunità complementari.

Per me è fondamentale che la mia famiglia mantenga una cultura di conversazione aperta, che accetti punti di vista diversi, che non viva un modello di ruolo specifico di genere e che si prenda cura l'uno dell'altro, e voglio lo stesso dal mio posto di lavoro.

Con la nascita di mio figlio, mi è apparso chiaro che la compatibilità significa anche che c'è un'intersezione tra i punti di vista della famiglia e quelli del datore di lavoro. Invece di un abbinamento basato esclusivamente sui talenti e sulla descrizione del lavoro, il risultato finale è un impegno e una comprensione reciproca a lungo termine.

Julia Kahraman

Ritieni che la nostra azienda sia in linea con i tuoi valori personali? Ti trovi d'accordo in modo equilibrato?

Istintivamente ti direi di sì. In quanto membro del team di leadership, probabilmente non sono la persona più adatta a prendere una posizione legittima sull'apertura della nostra cultura della conversazione, perché posso parlare per tutti i dipendenti solo fino a un certo punto.

All'interno del mio team, tuttavia, posso affermare con sicurezza che non ci sono argomenti su cui evitiamo di discutere apertamente.

Per me è particolarmente importante che ogni membro del team, sia esso uno studente stagista o un senior marketing manager, sia disposto a discutere apertamente delle difficoltà e delle nuove idee. Questo significa spesso non essere d'accordo con me. Come sappiamo da casa, esprimere punti di vista diversi può anche aprire la porta a conflitti. Questo è vantaggioso per tutti i membri del team, me compreso, perché ci permette di crescere. Impariamo a metterci nei panni degli altri, un'abilità fondamentale nel marketing.

Definire i modelli di ruolo in base al talento piuttosto che al genere mi riporta alla femminista che è in me e, per chiarire, non cerco preferibilmente donne. Non assumo nemmeno preferibilmente genitori. Tuttavia, non assumerei qualcuno che pensa che le colleghe donne siano meno competenti dei colleghi uomini o che ritiene che i genitori siano meno capaci sul lavoro.

Il mio interesse maggiore è la mentalità dei miei colleghi e se aggiungono al team tratti caratteriali che non abbiamo ancora trattato. È coerente con i valori di Swisslog Healthcare? Certamente. Fortunatamente, grazie ai maschi in congedo parentale, alle donne in posizioni dirigenziali e, soprattutto, a un programma di Smart Work ben congegnato e adattabile, questo non è un argomento che deve essere spiegato in un paragrafo così lungo.

Dove abbiamo margini di miglioramento?

Per un'azienda delle nostre dimensioni e con un background di ingegneria meccanica, credo che siamo già un grande passo avanti grazie al nostro programma SMART Work, alla forte gestione delle prestazioni e alla flessibilità degli uffici.

In futuro, vorrei che avessimo un profilo professionale ancora più flessibile. Non sto pensando a ingegneri che lavorano come designer, ma alla possibilità di una carriera, cambiare come parte dello sviluppo personale.

Perché una persona che lavora nelle vendite sul campo non può lavorare in un altro settore, come quello del reclutamento, se la sua situazione familiare cambia? Hanno la competenza fondamentale di persuadere le persone. Gli strumenti e i processi sono sempre nuovi e possono essere appresi.

Prima di iniziare il tuo Purple Journey hai lavorato presso KUKA. Perché sei passata da KUKA a Swisslog Healthcare?

Una sensazione puramente istintiva, rafforzata da due situazioni che ho incontrato prima del mio cambiamento:

  1. Invece di chiedermi se sarei stata in grado di gestire l'imminente lavoro pur essendo madre, mi è stato chiesto in quali modi Swisslog Healthcare potesse sostenermi.
  2. Ho avuto modo di conoscere il team di sviluppo dei prodotti per il software e le applicazioni. Sia la gestione del prodotto che i team di sviluppo erano guidati da donne. Ad oggi, sono orgogliosa di lavorare per quella che sembra essere l'unica azienda con donne nei ruoli di vertice, a parte le risorse umane e il marketing. Non avrei mai immaginato di essere influenzata da modelli di riferimento, ma è così.

 

Grazie, Julia, non solo per il tempo che ci hai dedicato e per l'approfondimento del tuo lavoro e della tua vita privata, ma anche per averci ispirato a riconsiderare i concetti tradizionali.

 

Volete far parte del nostro team? Scoprite di più su Swisslog Healthcare come datore di lavoro e sulle nostre posizioni aperte.

Informazioni sull’autore:

Saskia Schwarze, HR Manager Northern Europe & GCC, è responsabile di tutte le attività relative alle persone e alla cultura aziendale nel suo ambito. Promuove lo sviluppo dei nostri dipendenti in modo che possano crescere e diventare sempre più soddisfatti e di successo nel loro lavoro.


Ulteriori informazioni su Saskia Schwarze
Cerca tutti i tag
Esperienza dei dipendentiModernizzazionePurple CultureFarmacia OspedalieraIntervistaAutomazione per la FarmaciaSicurezza dei PazientiNew WorkMonodosePharmacists InsightsDigitalizzazionePianificazione ospedalieraOpen PharmacySistema di posta pneumaticaConsigli per le candidatureClosed Loop Medication ManagementServizioFuture FarmacieAutomazione dei TrasportiPurple JourneyIntralogisticaRisorse Umane

Utilizziamo i cookie

Questo sito web utilizza i cookie (per saperne di più) per offrivi l’assistenza migliore anche online. Se si continua a navigare sul nostro sito web, utilizziamo solo i cookie necessari dal punto di vista tecnico. Cliccando su ""OK"", si accetta anche l'utilizzo di cookie di marketing. Con un clic su ""Impostazioni cookie"" è possibile selezionare quali cookie utilizziamo.

Impostazioni cookie